Lavagne e Corridoi

Qualcuno ci seppellirà? Meglio subito… grazie a una “valanga” di yoga della risata

1 Mag , 2015  

Laboratorio "yoga della risata"

Laboratorio “yoga della risata”

Ridere di gusto senza motivo? Anche in situazioni avverse? Adesso è possibile grazie allo yoga della risata, una tecnica nata il 13 marzo 1995 grazie a Madan Kataria, un medico indiano che sosteneva che ridere, anche senza una ragione, poteva ridurre la gravità di alcune malattie, come per esempio l’Alzheimer. Lo yoga della risata unisce la respirazione Pranayama, quella usata nello yoga, ad alcuni semplici esercizi in cui si ride semplicemente e senza un vero e autentico perché. Un metodo ormai conosciuto in 70 Paesi del mondo, diffusosi in Italia dal 2006.

Lo yoga della risata può essere praticato per il proprio benessere  personale senza servire particolari esigenze curative, ma viene usato anche nelle carceri o nei centri di recupero per tossicodipendenti al fine di rigenerare soggetti in particolare difficoltà, per rimettere in circolo la giusta energia per la guarigione.

A fine febbraio il triennio dei corsi parrucchieri, estetiste e socio-sanitario dell’Istituto superiore “Podesti – Onesti”   ha partecipato ad una lezione di yoga della risata. Gli insegnanti yoga hanno spiegato, tramite alcune tecniche, che se la giornata ci sembra spenta, può essere migliorata con una semplice risata.

Le simulazioni hanno ricreato piccole fasi di vita quotidiana, ad esempio il risveglio mattutino in quelle giornate in cui andare al lavoro può costituire un peso sullo stomaco. Che fare in quel caso? Basta accompagnare con un sorriso il momento in cui ci si alza dal letto, ci si lava il viso, ci si guarda allo specchio. E ancora. E’ ora di colazione e ci sentiamo giù. Oppure stiamo guidando l’auto in mezzo al traffico, e incappiamo in una maledetta serie di semafori rossi, per poi sbagliare fila in tangenziale, accumulando sempre più ritardo. Ecco, allora respiriamo e sorridiamo. L’aria ci rigenera. Ossigena il corpo ed i pensieri. E prepara lo spirito ad una nuova vita.

By


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *