Lavagne e Corridoi

Michele Mancini ci aiuta a ricordare

4 Mar , 2016  

Lo scorso 25 gennaio 2016, anticipando di poco il giorno della memoria, l’istituto Podesti-Onesti di Chiaravalle, ha fatto silenzio e si è fermato ad ascoltare le parole e le profonde riflessioni di un ex alunno, poi soldato, poi alfiere della libertà ed oggi abile narratore: Michele Mancini.

L’incontro, organizzato in collaborazione con l’A.N.P.I. è avvenuto in aula magna, dove le classi quarte e quinte  attendevano di conoscere di persona questo piccolo grande chiaravallese per poter guardare in modo diverso dal solito, più diretto e autentico, un pezzetto della nostra storia, quella storia ancora così vicina ma che andrebbe perduta se non capitasse ogni tanto di poter ascoltare dal vivo chi l’ha vissuta e certamente tessuta.

Microfono in mano, sguardo fiero e ridente, timbro caldo e sicuro, Michele Mancini, classe 1921, ha tenuto per più di due ore avvinta la platea con i suoi racconti pieni di energia, di lucidità e di passione per la patria, il coraggio e la libertà. Senza mai sedere, anzi tirandosi spesso sulle punte dei piedi per poter arrivare anche con lo sguardo  fino alle ultime file,  ci ha raccontato un pezzo della sua vita, quello compreso tra il luglio del 1943 e l’agosto del 1945, quando era in atto la seconda guerra mondiale e lui, come tanti altri soldati italiani catturati dai tedeschi dopo l’armistizio, dovette scegliere tra esser libero fuori ed esserlo dentro. Michele Mancini e, con lui, molti altri giovanissimi scelsero di essere liberi dentro, di accettare la prigionia (25 lunghi mesi) e quindi una vita di stenti, di duro lavoro, di lontananza per poter raccontare un giorno, alla fine di tutto, che si può rinunciare a tutto ma non ai propri ideali.

Ci ha parlato con tanta emozione di quando si è trovato a vivere giorni cruciali, per sé e per l’Italia intera: l’addestramento nella caserma di Padova, dove la vita era scandita da squilli di tromba e istruzioni militari; la guardia all’aereoporto che, a partire dall’ 8 settembre ’43, era oggetto di attacchi da parte dei tedeschi che infatti, già il giorno dopo, l’avevano occupato; infine il 13 settembre di quello stesso anno, giorno in cui Michele Mancini fu caricato sul treno insieme a altri soldati con direzione Meldorf, Germania. Qui la sua vita cambiò, si ritrovò a lavorare per le truppe tedesche nemiche della sua patria e così evitò di dover uccidere o maltrattare gli italiani in loro nome.

Dopo 25 lunghi mesi di prigionia la guerra finì e a vincere ed alzare la bandiera tricolore furono gli italiani che come lui nel campo ricevettero la notizia della resa tedesca; “… venne fatta una bandiera tricolore, con degli stracci usciti da non so dove,venne attaccata a un’asta da bandiera che si trovava sulla riva del mare e piantata nel centro del cortile del campo –ha ricordato un emozionato Michele Mancini-. La bandiera fu issata con i tre squilli regolamentari, mentre tutti noi sull’attenti facevamo il saluto militare e molte lacrime bagnavano i nostri occhi …” .

 Poi iniziò il viaggio di ritorno alla propria terra ed alle care radici, terminato il 25 agosto 1945.

Quando il racconto si è interrotto,dopo un istante di silenzio, sono scrosciati gli applausi. Così tra foto ricordo, gratitudine e promesse, gli studenti hanno lasciato andare a malincuore quel nonno tanto prezioso, fieri di poter tenere ora fra le mani il libro delle sue memorie.

 di Imen Yacoubi  4A Chiaravalle

, ,

By



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS News Locali

  • Scuola, Valditara rassicura la Cgil: 'Non tocchiamo il contratto' - Agenzia ANSA 26 Gennaio 2023
    Scuola, Valditara rassicura la Cgil: 'Non tocchiamo il contratto'  Agenzia ANSAVisualizza la copertura completa su Google News
  • LIVE – Zaniolo, il Milan si tira indietro definitivamente. Nelle prossime 48 ore il Bournemouth proverà a convincere il giocatore - Giallorossi.net 26 Gennaio 2023
    LIVE – Zaniolo, il Milan si tira indietro definitivamente. Nelle prossime 48 ore il Bournemouth proverà a convincere il giocatore  Giallorossi.netCalciomercato Roma, accordo col Bournemouth per Zaniolo?  Fantacalcio ®Intrigo Zaniolo: tra Roma e Milan nessuna intesa. Toro, scatto per Ilic. Mckennie in Premier e le mosse della salvezza  TUTTO mercato WEBMilan, la verità sul colpo Saint-Maximin: tutto ruota […]
  • Cometa dei Neanderthal: è già visibile ad occhio nudo! Vediamo come cercarla nel cielo (Video) - iLMeteo.it 26 Gennaio 2023
    Cometa dei Neanderthal: è già visibile ad occhio nudo! Vediamo come cercarla nel cielo (Video)  iLMeteo.itLa cometa dei Neanderthal diventa visibile, e le spunta l'anticoda - Scienza & Tecnica  Agenzia ANSAAndrea racconta la foto capolavoro: «Così ho “catturato” la cometa Neanderthal dal mio balcone»  AnconaTodayPassa la cometa di Neanderthal, si osserva il cielo anche a Siena  RadioSienaTvSpettacolo nel cielo: […]
  • Un asteroide passerà più vicino alla Terra rispetto ai satelliti geostazionari - Corriere della Sera 26 Gennaio 2023
    Un asteroide passerà più vicino alla Terra rispetto ai satelliti geostazionari  Corriere della SeraAlle 22.00 di oggi un asteroide "sfiorerà" la Terra: "Il quarto più vicino di sempre"  LibertàL'asteroide 2023 BU passerà 3.600 chilometri, ma nessun pericolo DIRETTA ALLE 20,15 - Scienza & Tecnica  Agenzia ANSAUn asteroide ci sfiorerà (ma non ci sono rischi)  FocusUn asteroide sta per colpire […]
  • Meloni vede Nordio, giustizia giusta e veloce è priorità - Agenzia ANSA 26 Gennaio 2023
    Meloni vede Nordio, giustizia giusta e veloce è priorità  Agenzia ANSAMeloni incontra Nordio: «Una giustizia giusta e veloce». E la Lega presenta un ddl sulla separazione delle carriere- Corriere.it  Corriere della SeraMeloni incontra Nordio: "Rendere la giustizia veloce e giusta è impegno con gli italiani"  RaiNewsMeloni vede Nordio: 'Giustizia giusta e veloce è priorità'  Sky Tg24 Meloni vede Nordio, […]
  • Trovata morta nella neve allevatrice di cani sull'Appennino - Agenzia ANSA 26 Gennaio 2023
    Trovata morta nella neve allevatrice di cani sull'Appennino  Agenzia ANSAMuore nella neve allevatrice di cani. Ipotesi attacco cardiaco per il freddo  LA NAZIONEArezzo, allevatrice di cani di 50 anni ha un malore: trovata morta congelata sulla neve  Corriere FiorentinoArezzo, allevatrice di cani morta per il freddo sull'Appennino  TGCOMAllevatrice trovata morta nella neve con tre dei suoi cani sull'Appennino aretino  RaiNewsVisualizza […]
  • La Juve ritrova Vlahovic e Pogba: tre gol il serbo, due il francese - Sportmediaset - Sport Mediaset 26 Gennaio 2023
    La Juve ritrova Vlahovic e Pogba: tre gol il serbo, due il francese - Sportmediaset  Sport MediasetLa Juve ritrova i gol di Vlahovic e Pogba nella partitella con la Next Gen  La Gazzetta dello SportVIDEO - Pogba inventa, Vlahovic segna: la seduta di oggi con la Next Gen  Tutto JuveJuventus, allenamento mattutino: le ultime su Bonucci, Pogba e […]
  • Una piccola società di ricerca ha fatto perdere un sacco di soldi al terzo uomo più ricco al mondo - Il Post 26 Gennaio 2023
    Una piccola società di ricerca ha fatto perdere un sacco di soldi al terzo uomo più ricco al mondo  Il Post"La più grande truffa della storia": Hindeburg va short contro Gutan Adani Da Investing.com  Investing.com ItaliaChi è Gautam Adani, il miliardario al centro di uno scandalo per frode  Forbes ItaliaManipolazione e frode fiscale: perdita record per Adani, il […]
  • Ucraina, i russi lanciano i missili ipersonici Kinzhal - Mondo - Agenzia ANSA 26 Gennaio 2023
    Ucraina, i russi lanciano i missili ipersonici Kinzhal - Mondo  Agenzia ANSAUcraina - Russia, le news dalla guerra oggi. Attacco missilistico russo in corso. Il sindaco di Kiev: "Un morto e 2 feriti"  la RepubblicaUcraina, allarme antiaereo generale contro gli attacchi russi  AdnkronosUcraina, Kiev: abbattuti 47 missili su 55 lanciati dai russi | L'Occidente manda i tank, Zelensky […]
  • Perché i tank Leopard e Abrams non bastano all’Ucraina (e cosa non abbiamo capito) - Corriere della Sera 26 Gennaio 2023
    Perché i tank Leopard e Abrams non bastano all’Ucraina (e cosa non abbiamo capito)  Corriere della SeraCarri armati all'Ucraina, la Russia si sente aggredita e cita Kruscev: «Vi seppelliremo»  Corriere della SeraUcraina, la battaglia dei tank: a confronto i carri armati Leopard II, T90 e Abrams. Il fantasma del T14 russo  ilmessaggero.itI motivi dell’accelerazione nella consegna di armi […]